Home  /  Libreria MOOKS Mondadori BOOKSTORE

 

MOOKS Mondadori BOOKSTORE

il Mondo in una Libreria

La Libreria MOOKS Mondadori BOOKSTORE nasce come un progetto innovativo che trasforma lo store in un contenitore ricco ed affascinante in cui potrai spaziare dal libro (72.000 titoli) alla tecnologia, intrattenerti nella sala Coworking, sorseggiare un ottimo StarMOOKS Cafè e lavorare al tuo PC con la rete Free WiFi Connection; un luogo in cui potrai acquistare i biglietti per i tuoi concerti preferiti, ammirare la galleria fotografica e d’arte contemporanea dei nuovi talenti selezionati da Mooks fabrika e sopratutto frequentare il nostro forum, dove potrai incontrare artisti e scrittori oppure trattare i temi più importanti per la tua città.

Cosa Vi Offriamo

  • 72.000 titoli
  • Tecnologia
  • Coworking
  • Cafè
  • wifi
  • Art Gallery
  • Ticket
  • Forum

il Vostro Blog

MOOKS fabrika è un contenitore ricco di appeal che racchiude un calendario di eventi con autori e artisti sia emergenti che di caratura internazionale, uno spazio per le recensioni di libri curato dai nostri librai e dai nostri amici lettori, una galleria fotografica e d’arte contemporanea permanente, intesa come la fucina di tutti i nuovi talenti.

I libri

10 settembre 2015
I Libri.. a cura di Raffaella Di Somma I libri sono una specie in via d’estinzione. Non l’ “oggetto libro”, che prospera e si evolve, arrivando all’inevitabile collisione con l’era tecnologica e guadagnandosi l’aggettivo ‘elettronico’; quello è ancora presente nelle nostre vite, anche quando è dimenticato su uno scaffale impolverato, oppure inciso nei pixel del tablet che portiamo con noi. Ciò che sta rapidamente scomparendo è l’anima dei libri. Così come gli esseri umani non sono fatti soltanto di nervi, muscoli, sangue e ossa, ma sono completi solo grazie a quell’infinitesimale, inspiegabile difetto di massa che li rende quelli che sono, così dei libri non basta dire che sono fatti di carta e inchiostro. Essi, come per osmosi, sono pregni dell’anima di chi li ha scritti, di chi li ha letti, di chi li ha amati e di chi li ha odiati; di chi li ha stretti a sé come ancore di salvezza, di chi li ha bagnati di lacrime, di chi li ha riletti fino a logorarli. C’è rabbia, impigliata nelle fibre di cellulosa, ci sono amori perduti, amici ritrovati, storie di creature fragili, sentieri mai presi, mani che si toccano, occhi che si respingono. Nei libri ci sono mille vite che oggi ci rifiutiamo di vivere. La carne respinge la carta, la ritiene inutile, superflua, non indispensabile; ma la verità è che nessuna delle due può vivere senza l’altra. La carta deve nutrire la carne, insinuandosi negli angoli più reconditi del nostro corpo, mescolandosi al sangue che ci scorre nelle vene; ma anche la carne deve nutrire la carta, consumarla, accarezzarla, scolorendola, lasciando traccia di sé nell’inchiostro, in ogni venatura, in ogni piega e macchia di caffè. Abbiamo bisogno di questa simbiosi, perché essa riempie il vuoto che non ci accorgiamo di aver scavato dentro di noi. Quelle aride venature nere prendono vita solo quando siamo noi a volerlo, e ci aiutano a dare un nome a quelle strette al cuore, quei vuoti allo stomaco, quei tremori e quei brividi che conosciamo solo per istinto, ma che non riusciamo a descrivere. In un mondo che ha dimenticato come comunicare ciò che è nel profondo, per concentrarsi soltanto sull’immediato, sul necessario, la letteratura ci aiuta a scavare in noi stessi, a plasmare ciò che è amorfo, a ricalcolare le distanze tra noi e gli altri, a tingere di una sfumatura diversa il nostro quadro del mondo. Ogni volta che sfogliamo un libro, non importa quante volte lo abbiamo letto, esso ha sempre qualcosa da dirci, a differenza delle persone, che sembrano invece vivere di risparmi anche sulle parole. «Esistono carceri peggiori delle parole», scrive l’autore spagnolo Carlos Ruiz Zafón. Ebbene, lasciatevi imprigionare: lasciate che le pagine vi parlino, di voi, del mondo, delle persone che vi passano accanto in metropolitana e di quelle che salutate tutte le mattine prima di uscire di casa. Lasciate che vi sussurrino all’orecchio il nome di quel sussulto che è appena affiorato nel vostro petto, che vi diano la scintilla per scatenare un incendio,

Recensione SCOOP

27 maggio 2017
Recensione SCOOP. Enrico Franceschini, classe ’56, corrispondente per “la Repubblica” da New York, Washington, Mosca, Gerusalemme e Londra, mette in scena uno spassosissimo romanzo di formazione e iniziazione quasi goliardico/militare al mestiere di giornalista. Così lo sprovveduto giovane cronista di provincia si ritroverà sbattuto suo malgrado e grazie ad un equivoco dettato dall’omonimia, nel mondo reale della vita da inviato – quello pre digitale, fatto ancora di Olivetti, fax e code per le interurbane ‒ dove l’idealismo del pivellino di primo pelo cederà presto il passo alla ben diversa realtà, fatta di finti scoop, di bufale colossali, di cameratismo/nonnismo di colleghi smaliziati, di note spesa gonfiate, di bella vita a bordo piscina di lussuosi alberghi a cinque stelle, di mignotte e cocktail esotici. Realtà che però fatalmente alla fine finirà per trasformarlo non soltanto in un vero giornalista con tanto di pelo sullo stomaco, ma sopratutto in un vero uomo. Perché nonostante tutto lo scoop ci sarà e trasformerà per qualche mese un tranquillo paradiso caraibico nel centro nevralgico del mondo. Un romanzo capace di raccontare tutti i vizi, le malizie, i retroscena ma anche le virtù, i pregi e persino l’eroismo di un mestiere che, sopratutto in quegli anni, non poteva non affascinare sia chi di quel sogno avventuroso ne ha poi fatto una professione, sia chi ne ha goduto soltanto il prodotto finale, ignorandone i dietro le quinte, qui deliziosamente svelati. Un romanzo che parte da L’inviato speciale di Waugh per raccontarci uno dei più antichi e affascinanti mestieri del mondo. Perché il giornalismo rimane in fondo, come insegna ad Andrea un suo vecchio e saggio collega, “ […] il più grande divertimento che puoi avere con i calzoni addosso”. Alla fine e nonostante tutto, ha deciso di dargli una mano. La contessa Matilde Valera del Dongo tra un Don Pérignon e un altro ha ascoltato quasi stancamente l’ex giovane e promettente scrittore, ex sessantottino oramai prossimo al baratro del dimenticatoio, nonché ex amante fugace dei bei tempi che furono Andrea Muratori lagnarsi di quanto la vita a Milano oramai gli stia stretta, non gli dia più stimoli e di quanto sarebbe bello e formativo per lui poter arricchire la sua carriera con un’esperienza dal vago sapore hemingwayiano magari come inviato e cronista di guerra in qualche esotico e selvaggio angolo del mondo. Si affretta perciò a convocare Alberto Massari, direttore di uno dei più noti quotidiani milanesi e nazionali raccomandandogli di spedire Muratori come inviato a Cusclatàn, una piccola repubblica centroamericana dilaniata pare da un orribile conflitto interno. Massari abbozza ben sapendo che in fondo quello che conta davvero in un giornale son sempre la politica interna, lo sport e la nera. Neanche il suo caposervizio, pensa, troverà molto da ridire se mandiamo in uno sperduto paesino caraibico un giornalista sconosciuto e alle prime armi. Già perché a essere convocato per quella improbabile trasferta di lavoro è si Andrea Muratori, ma quello sbagliato. E così Andrea ‒ giornalista sportivo appena sbarcato nella mega-redazione milanese prima ancora di

Recensione 13

27 maggio 2017
Recensione 13. Il segreto è sicuramente la sua capacità di suscitare GRANDI EMOZIONI, di tenere incollato alle pagine lo spettatore ma anche la capacità di riflettere in modo perfetto la realtà e le difficoltà di ogni giovane. Infatti la protagonista è una ragazza che affronta ogni giorno il liceo e lotta contro pregiudizi, pettegolezzi che in poco tempo le rovinano la reputazione e la vita. TUTTI possiamo rispecchiarci in questa storia, perché per tutti gli anni del liceo sono stati difficili, delicati. Quanti di noi proprio come la protagonista hanno avuto la sensazione che gli altri non ci conoscessero davvero? Quanti si sono sentiti giudicati, soli, invisibili, abbandonati, poco importanti? Questo libro è SPECCHIO di quello che ognuno di noi ha provato nella vita ed è perciò FORTE, VERO, CRUDO ma anche per questo ti lascia dentro un SEGNO, è capace di smuovere le nostre emozioni più profonde. Questo romanzo è un viaggio dentro noi stessi, non solo nella vita dei personaggi. Non mancano tratti toccanti e commoventi, quelli più drammatici e crudi. Ma è proprio il racconto senza filtri e censure a renderlo un LIBRO UNICO nel suo genere che si dovrebbe leggere assolutamente. Ogni adolescente dovrebbe leggerlo ma anche chi vuole capire il mondo dei ragazzi. Ogni classe, ogni scuola dovrebbe averne delle copie. Perché è un libro IMPORTANTE, mai pesante (la lettura è molto scorrevole) ma che ha un PESO e può dare messaggi PROFONDI E IMPORTANTI. È una storia in cui ti immergi ma soprattutto ti SPECCHI E TI IMMEDESIMI. SENTI SULLA TUA PELLE le emozioni della protagonista, sai che quello che ha vissuto è simile a ciò che anche tu hai vissuto, sentito o provato. Sai che quello che è successo a lei poteva succedere a te come ad altri ragazzi. Perché L’ADOLESCENZA è il periodo più difficile, più complicato della vita e ciò che vivi segna anche il futuro e può cambiarti per sempre. I temi che affronta sono importanti e attualissimi!  UNA FORTE DENUNCIA sociale contro IL BULLISMO, tema affrontato con maturità. La storia è vera e la vivi a pieno. Trasmette a pieno quanto il bullismo sia commesso con leggerezza dai ragazzi e considerato uno scherzo, ma quale peso ha invece per chi lo subisce. Si può venire sopraffatti, schiacciato e distrutti senza che nessuno intorno se ne renda conto. Un libro che insegna molto e che lascia molto! Perché i libri possono diventare maestri di vita che ci lasciano messaggi importanti! Tredici insegna agi adolescenti a pensare di più alle conseguenze che può avere una loro azione, uno “scherzo”, un pettegolezzo. Si fa portavoce di un’età in cui i ragazzi hanno bisogno di apparire grandi, bulli non consapevoli delle loro azioni e convinti di poter fare e dire quello che vogliono senza preoccuparsi dei sentimenti altrui. Il libro vuole essere un incitamento ai ragazzi e dice di non pensare solo a se stessi ma a preoccuparsi degli altri. Ci invita a non restare indifferenti se qualcuno soffre e non restare a guardare perché altrimenti si

Bruce Springsteen Born to Run

21 settembre 2016
Acquista il libro Born to Run e l’album Chapter and Verse e partecipa al concorso! Vinci una chitarra autografata da Bruce! A raccolta i fans del Boss per attendere insieme “Born To Run”, l’autobiografia di Bruce Springsteen, in uscita contemporanea mondiale il 27 settembre 2016. Pink Cadillac Springsteen Fan Club e la libreria MOOKS Mondadori hanno creato una serata di divertimento e musica in occasione dell’uscita in contemporanea mondiale dell’autobiografia Born To Run di Bruce Springsteen. Il 27 settembre i fans di Springsteen e i cultori della bella musica sono chiamati a raccolta per festeggiare tutti insieme l’evento accompagnati dalla musica live del Boss offerta dagli E-ssential Unplugged Springsteen Tribute Band. Sarà una bella occasione di incontro e condivisione di un’emozione ancora una volta in nome di Springsteen, in attesa di poter acquistare in special price le prime copie del libro e di Chapter and Verse, il CD contenente 18 brani del rocker americano, di cui 5 inediti risalenti ai primi anni della sua carriera. Appuntamento a tutti dunque, il 27 settembre 2016 presso i locali della libreria MOOKS Mondadori Bookstore a piazza Vanvitelli n. 10/a e intanto… ”stay hard, stay hungry, stay alive!” Per informazioni:  pinkcadillacmusic.it – springsteenforever@virgilio.it – Libreria MOOKS Mondadori Bookstore. tel. 081 556 4756 Bruce Springsteen ha lavorato alla sua autobiografia nel corso degli ultimi sette anni, iniziando nel 2009, dopo lo show con la E Street Band durante il Super Bowl. L’ha fatto personalmente, senza alcun ghostwriter, mettendo a nudo le sue paure, la sua umanità, le sue ambizioni con la sincerità e la credibilità che hanno sempre contraddistinto tutta la sua produzione musicale e la sua vita di uomo e artista. Springsteen racconta la sua giovinezza a Freehold, nel New Jersey, tra “poesia, pericolo e buio”, elementi che hanno alimentato la sua immaginazione. Descrive con estrema intensità lo slancio e il bisogno che l’hanno portato a diventare un musicista, i suoi esordi nei bar ad Asbury Park e l’ascesa della E Street Band. Con candore disarmante racconta anche per la prima volta la storia delle sue personali lotte, che hanno ispirato i suoi pezzi più belli e spiega come la canzone “Born to Run” riveli molto di più di quello che abbiamo sempre pensato. E’ un libro che copre ogni momento significativo della sua vita e della sua carriera e, dunque, una lettura imperdibile per i fans di Springsteen. «Scrivere di se stessi è una cosa curiosa », dice Springsteen nel suo libro. «Ma in un progetto come questo lo scrittore fa una sola promessa, quella di svelare al lettore la propria mente. È quello che ho cercato di fare in queste pagine». Bruce Springsteen Born to Run ultima modifica: 2016-09-21T11:47:37+00:00 da MOOKS

Harry Potter e la Maledizione dell’Erede

15 settembre 2016
HARRY POTTER è tornato! Dal 24 settembre in libreria l’ottavo libro della storia del mago più famoso! Harry Potter e la maledizione dell’erede (Adriano Salani Editore) Prenota subito la tua copia da MOOKS! HARRY POTTER BOOK NIGHT: LA MAGIA ARRIVA A PIAZZA VANVITELLI Avviso alla comunità magica In occasione dell’uscita del suo nuovo libro il signor H. Potter invita tutti gli studenti e gli ex- studenti della scuola di magia e stregoneria di Hogwarts alla libreria MOOKS Mondadori a Piazza Vanvitelli a Napoli, il 23 e il 24 settembre p.v, per immergersi ancora una volta in mirabolanti avventure e raccontarvi che cosa accadde dopo che “Lo vide Cadere”… 23 settembre 17:30 Cerimonia dello smistamento Se hai sempre sospettato di non essere un semplice babbano vieni ad indossare il cappello parlante e potrai scoprire, con l’aiuto di Mondo Di Myriel Creazioni, a quale casa di Hogwarts appartieni! 18.00 A scuola con Harry Magico laboratorio creativo a cura di Virginia Maresca: partecipa e realizzerai un fantastico oggetto che ti servirà ad entrare nel mondo di Harry e dei suoi amici*. dalle 18:00 Pozioni magiche (Starmooks) 19.00 Perfomance e letture teatralizzate in costume a cura dell’associazione Al Centro delle Arti e dell’ Accademia Vesuviana del Teatro con Roberta D’Agostino, Gianni Sallustro, Emiliana De Vivo, Mattia Tammaro costumi di Costantino Lombardo 19:30 Gioco quiz- Pensi di sapere tutto su Harry Potter? Gioca noi e testa la tua conoscenza ed al termine tante grandi sorprese… I regali per i “i veri fan”: 2 copie di “Harry Potter e la maledizione dell’erede” (Mooks Libreria – Official) – 1 taglio di capelli (Riccardi Beauty Salon ) – 5 fantastiche cover personalizzate (Be cover Italia) – 1 Harry Potter keychain ( Star Comics Store Napoli) – 1 sorpresa da Wonderworld 20:30 Harry tra di noi Spettacolo di magia a cura di Blink Party & Animation 21:00 A cena con Harry Potter (Blackwood Napoli Vomero Blackwood Vanvitelli) le pietanze del castello e uno sconto del 15% per tutti coloro che prenoteranno la copia di “Harry Potter e la maledizione dell’erede” prima della mezzanotte del 23 settembre dalle 21:30 a chiusura maratona di tutti i film di Harry Potter Per tutti i partecipanti all’evento la torta di Harry e il succo di zucca 24 settembre 00:00 inizio vendita di HARRY POTTER E LA MALEDIZIONE DELL’EREDE E per i primi acquirenti la POTTERQUIZ card in omaggio ( PotterQuiz.it) e uno sconto del 50% per l’acquisto di una cover personalizzata (Be cover Italia) dalle 18:00 A teatro con Harry Potter (Teatro Diana Napoli) l’attore Giordano Bassetti ( Compagnia teatrale di Carlo Buccirosso) legge HARRY POTTER E LA MALEDIZIONE DELL’EREDE 19:00 Improvvisazione e intrattenimento a cura degli attori di HAPPY AUAR dalle 19:00 Una Mangiamorte si fa bella dimostrazione di trucco artistico con effetto cinematografico ( Alla Violetta Boutique Sede Storica Unica dal 1911) su abito da sera ( Niclo’) *per partecipare al laboratorio gratuito del 23 settembre sarà necessario prenotarsi entro il 21 settembre recandosi presso MOOKS a Piazza Vanvitelli, telefonando al numero
Libreria MOOKS Mondadori BOOKSTORE ultima modifica: 2014-06-24T21:32:50+00:00 da MOOKS
UA-69113922-1